I Notturni di Musicamorfosi nascono nel 2004 su commissione del Comune di Monza che voleva un format originale per valorizzare il poco frequentato Roseto della Villa Reale di Monza. In oltre 13 anni di festival abbiamo illuminato di musica e arte decine e decine di Ville e Parchi storici della Lombardia: da Villa Reale di Monza a Villa Tittoni di Desio, dal Parco Trotter di Milano a Villa Greppi di Monticello Brianza, da Palazzo Borromeo Arese di Cesano Maderno a Villa Ghirlanda di Cinisello. Il notturno è un grande contenitore di performance simultanee con istallazioni luminose e video-scenografiche, dislocate sulle superfici delle Ville e dei Parchi. Non ci sono palchi, tutto accade sfruttando al meglio l’architettura delle ville e gli ambienti naturali, interni e esterni. Il pubblico può circolare liberamente attraverso gli spazi, decidere autonomamente dove fermarsi, cosa ascoltare, come e dove muoversi.

I NUMERI DELL’EDIZIONE 2016
4 giorni di festival | 4.000 spettatori paganti
3 Ville Straordinarie: Villa Reale di Monza, Villa Tittoni di Desio e Villa Greppi di Monticello Brianza
2 Mediapartnership con LifeGate e Radio Popolare
3 enti coinvolti: Monza, Desio e Consorzio Brianteo Villa Greppi
60 artisti coinvolti in performance musicali e di danza

Dal 2004 ad oggi abbiamo invaso artisticamente decine e decine di Ville Storiche tra cui Roseto e Serre della Villa Reale di Monza, Villa Greppi di Monticello Brianza, Palazzo Borromeo Arese di Cesano Maderno, Palazzo Trotti e Villa Sottocasa di Vimercate, Villa Filippini di Besana Brianza, Villa Tittoni di Desio, Villa Borromeo D’Adda di Arcore, Villa Campello di Albiate, Villa Pusterla Crivelli di Limbiate, Villa Casati Stampa di Cinisello Balsamo, Palazzo Reale di Casale Monferrato, Bosco delle Querce di Seveso e Meda, Villa Facchi di Casatenovo, Villa dei Cedri di Merate, Centro storico di Concorezzo, Villa Ghirlanda Silva di Cinisello Balsamo, Villa Del Bono di Cremella.

 

Media Partner ufficiale fino al 2013 è stato il Corriere della Sera grazie alla collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera che ha contribuito alla visibilità regionale e nazionale dell’iniziativa e alla sua crescita e affermazione sul territorio