dom
08
Ott

LAC – Lugano Arte Cultura | h 11:00

Amrat Hussain Brothers Trio

All’incrocio tra le influenze delle culture gitane, hindu e musulmane

ore 11:00, Hall
ingresso libero

AMRAT HUSSAIN BROTHERS TRIO
Amrat Hussain, tabla
Sanjay Khan, harmonium, voce, classical raga
Teepu Khan, tabla

Amrat Hussain è oggi il riferimento riconosciuto per la musica del Rajasthan.
Una formazione di grande qualità musicale e spiritualità.
Il trio è formato da tre fratelli provenienti da una famiglia di musicisti del Rajasthan.
L’amore per la musica arriva prima dal nonno e poi dal padre che li hanno avvicinati alla musica in
tenerissima età. Suonano la musica sufi, classica e tradizionale dell’India del Nord e a loro volta fanno parte del gruppo Dhoad, i Gitani del Rajasthan con cui girano in tutto il mondo.

Ambasciatori della cultura del Rajasthan nel mondo, Amrat Hussain brother’s trio ha tenuto oltre 1100 concerti in oltre 90 paesi nel corso degli ultimi 15 anni. Amrat Hussain è stato invitato a suonare per il Presidente dell’India, per il Presidente francese François Hollande e per i festeggiamenti del giubileo di diamante della Regina d’Inghilterra Elisabeth II a Londra. Tra i fan di Amrat c’è anche Mick Jagger! Il trio è composto da veri virtuosi e il loro concerto è un meraviglioso viaggio pieno di energia e serenità allo stesso tempo che vi porterà nel paese dei Marajà.

Da oltre duemila anni l’India è una sorgente influente dal punto di vista musicale.
Il deserto di Thar, magnifico e selvaggio, nella provincia del Rajasthan, ha inspirato i Marajà che lì hano fatto costruire suntuosi palazzi dove musicisti, fachiri e danzatori hanno tramsesso nei secoli la loro millenaria cultura.
In India non c’è una vera separazione tra le espressioni artistiche e quelle religiose e la musica è considerata come una via di verità e rispettata come un mezzo di realizzazione e espressione della divinità.

All’incrocio tra le influenze delle culture gitane, hindu e musulmane si colloca il concerto di Amrat
Hussain, capace di esprimere questo contrasto tra esuberanza, passione, magia e spiritualità.