A Piano Odissey

Un viaggio intergalattico da ascoltare e guardare

Nello spazio cosmico degli ottantotto tasti del pianoforte, un viaggio intergalattico da ascoltare e guardare tra costellazioni e spirali cosmiche con la musica dell’astrocompositore estone Urmas Sisask (1960) e un’ouverture alla Gravità del geniale David Lang (celebre anche per le colonne sonore de La Grande Bellezza e Youth di Paolo Sorrentino).

Andrea Zani e Stefano Nozzoli pianoforte a quattro mani
Cristina Crippi video e contenuti multimediali
progetto Saul Beretta – Musicamorfosi

debutto Planetario di Milano per Wired Next Festival maggio 2016

Si, Lo Voglio.

Per maggiori informazioni e per acquistare una data del concerto

I like this concert and I want it!

info@musicamorfosi.it   +39 331 451 99 22

Info - Credits

Andrea Zani e Stefano Nozzoli pianoforte a quattro mani
Cristina Crippi video e contenuti multimediali
Progetto Saul Beretta – Musicamorfosi