Dom
23
Giu

Olgiate Olona | Vila Restelli | h 21:00

Asene Duevi + Dudù Kouatè @ JAZZaltro

Anche quest’anno la collaborazione tra Villa Restelli e JAZZaltro continua, aprendo le porte del parco della Villa alle prime luci del tramonto, per una serata suggestiva e coinvolgente dalle atmosfere africane. Oltre alla musica saranno proposti anche un aperitivo dai sapori curiosi, qualcosa di fresco dal nostro bar e una mostra per aprire gli occhi e la mente. Un altro piccolo passo nella rassegna FortuNati di Villa Restelli 2019, a cavallo tra le due rive del nostro mar mediterraneo.

L’idea è di mettere a fuoco, come e forse più di quanto già fatto in passato, la musica e l’arte africana. Per farlo abbiamo chiamato a raccolta alcuni degli artisti Africani residenti in Italia e da anni portacolori sui palcoscenici più prestigiosi della cultura africana.

Il gradito ritorno a JAZZaltro dei Kora Beat, tra i più interessanti progetti del panorama world/jazz in Italia. La band è nata Torino da un’idea del Maestro Cheikh Fall, musicista senegalese di Dakar. La kora è un’arpa dell’Africa occidentale suonata soprattutto nella musica tradizionale. I Kora Beat esplorano le potenzialità che ha questo particolare strumento nell’incontro con generi diversi come il jazz, il funk ed i ritmi africani moderni come lo mbalax ed il coupé decalé. Il risultato è una miscela di suoni del tutto innovativa, sorretta da un groove coinvolgente e caratterizzata dal dialogo tra kora e sax. ll pubblico che già conosce Kora Beat sa cosa gli aspetta: una serata di festa, danza e grande musica. Molta importanza per la band hanno i temi sociali della convivenza e del dialogo interculturale.

Arsene Duevi è stato direttore del coro della Cattedrale di Lomé (Capitale del Togo), sbarca a Milano nel 2002 e da qui parte un’avventura che lo vede oggi protagonista sui palchi di mezzo mondo: dall’Atlantic Music Festival a Capo Verde alle interviste con Radio France Afrique e il concerto in diretta radiofonica per WDR Colonia dal Bochum International Festival in Germania. Il 2019 è l’anno del debutto a WOMAD festival a Santiago del Cile e del AWA festival a Toronto dove è stato chiamato

per seguire l’ambizioso progetto “100 voices of Toronto” e sempre a Toronto ospite della Canadian Music Week.

Mohamadou Kouatè, in arte Dudù, griot glio di griot, custode e erede di una tradizione millenaria che ha portato in Italia, sbarcando a Messina nel 1988, musicista dalle doti eccezionali, membro stabile dal 2017 dello storico Art Ensemble of Chicago, racconta, sof a, canta, percuote e suona i suoi mille strumenti con i quali ci conduce in un viaggio alla radice dei suoni degli elementi della terra. Dudù in solo è stato selezionato per il prestigioso Atlantic Music Expo di Capo Verde ed ha suonato lo scorso 10 aprile al Palazzo della Cultura dell’isola di Santiago.

TAGS