Il Rito del Jazz riparte con Antonio Zambrini

carta bianca a gennaio in Cascina Cuccagna

cuccagna jazza club gennaio

È il pianista Antonio Zambrini il grande protagonista  del Cuccagna Jazz Club di Milano nel mese di gennaio! Si riparte martedì 9 in duo con il vibrafonista Andrea Dulbecco
Dopo la pausa natalizia tornano gli appuntamenti della rassegna “Il rito del jazz” in Cascina Cuccagna: riflettori puntati sul pianista e compositore milanese, impegnato tre volte con tre formazioni diverse in gennaio

Ruoterà intorno al pianista e compositore Antonio Zambrini la programmazione del primo mese del nuovo anno del Cuccagna Jazz Club di Milano, presso il ristorante un posto a Milano, in Cascina Cuccagna, nel quartiere di Porta Romana: il jazzista milanese, autore di brani originali che sono stati ripresi e condivisi da musicisti del calibro di Lee Konitz, Rita Marcotulli, Eliot Zigmund e Stefano Bollani, si esibirà tre volte con tre formazioni diverse nell’ambito della rassegna “Il rito del jazz”, organizzata da Musicamorfosi. Come sempre, l’appuntamento con la musica dal vivo è ogni martedì con la formula del doppio set (alle ore 19.30 e 21.30) e ingresso libero. Per informazioni e prenotazioni: tel. 025457785; email: info@unpostoamilano.it.

La prima data è quella di martedì 9 gennaio, quando Zambrini, che nel corso della sua carriera ha collaborato con tanti big italiani e stranieri, tra cui lo stesso Konitz, Ron Horton, Mark Murphy, Enrico Rava, Pietro Tonolo, Mahnu Roche, Claudio Fasoli, Hamid Drake e Roberto Gatto, farà coppia con Andrea Dulbecco, vibrafonista di livello internazionale e musicista a tutto tondo che spazia dalla classica al jazz (ha suonato e inciso, tra gli altri, con Paolo Fresu, Enrico Rava, Dado Moroni, Gianluigi Trovesi, Gianni Coscia, Franco Ambrosetti, Dave Liebman, Steve Swallow e Adam Nussbaum) e che fa parte dell’ensemble Sentieri Selvaggi. Zambrini e Dulbecco presenteranno “Chick’s Dream”, progetto che comprende per lo più brani originali, ma non solo: il ventaglio delle influenze musicali e delle suggestioni proposte è molto ampio, tra tango, ritmiche dispari, echi del Novecento storico e il jazz degli anni ’70, con particolare attenzione alla figura di Chick Corea, fonte comune d’ispirazione. L’impatto ritmico e timbrico del duo risulta estremamente coinvolgente.

Martedì 16 gennaio Antonio Zambrini sarà impegnato in trio con Carlo Bavetta al contrabbasso e Pasquale Fiore alla batteria, due giovani musicisti di grande talento: con questa formazione il pianista milanese proporrà composizioni originali e, in veste di interprete, appassionate riletture del repertorio jazzistico ma non solo (Zambrini, infatti, ama eseguire le musiche di autori quali Nino Rota, Fiorenzo Carpi e Gabriel Faurè, ma anche di David Bowie, Carla Bley,  Procol Harum e Caetano Veloso).

“Antonia e altre canzoni” è il nome del progetto che andrà in scena martedì 23 gennaio con l’Antonio Zambrini quartet feat. Rafael Schilt. In questa formazione figurano, accanto al leader, lo svizzero Rafael Schilt, dotato di notevole profondità melodica e timbrica, al sax tenore, e due jazzisti di vaglia quali Alex Orciari al contrabbasso e Matteo Rebulla alla batteria. I quattro musicisti proporranno prevalentemente composizioni di Zambrini, scelte in un catalogo di oltre 80 brani scritti e pubblicati nella sua ormai lunga discografia, a partire dal fortunato album “Antonia e altre canzoni”, uscito nel 1998.

Infine, per l’ultima data del mese, martedì 30 gennaio sarà la volta del pianista Samira Bkhaita e del trombonista Simone Capitaneo, che presenteranno un omaggio al mondo musicale del pianista, compositore e interprete Sergio Cammariere, artista in bilico tra canzone d’autore e jazz (ha collaborato a lungo con il trombettista Fabrizio Bosso). Per il secondo set della serata, spazio alla jam session in collaborazione con gli studenti di jazz del Conservatorio G. Verdi di Milano.

 

CUCCAGNA JAZZ CLUB – IL RITO DEL JAZZ
Un posto a Milano, Cascina Cuccagna, via Cuccagna 2/4, Milano.
Ingresso libero. Informazioni e prenotazioni: tel. 025457785; email: info@unpostoamilano.it

 

I CONCERTI DI GENNAIO 2024

Martedì 9 gennaio, ore 19.30 e 21.30

Chick’s Dream
Antonio Zambrini, pianoforte
Andrea Dulbecco, vibrafono

Martedì 16 gennaio, ore 19.30 e 21.30
Antonio Zambrini trio 24
Antonio Zambrini, pianoforte
Carlo Bavetta, contrabbasso
Pasquale Fiore, batteria

Martedì 23 gennaio, ore 19.30 e 21.30
Antonia e altre canzoni
Antonio Zambrini, pianoforte
Rafael Schilt, sax tenore
Alex Orciari, contrabbasso
Matteo Rebulla, batteria

Martedì 30 gennaio, ore 19.30 e 21.30

Pensando Sergio Cammariere
Samira Bkhaita, pianoforte
Simone Capitaneo, trombone
a seguire jam session.

SHARE:

News

Sotto le stelle del jazz: la pianista e cantante cubana Jany McPherson inaugura venerdì 3 maggio la nuova edizione di Monza Visionaria MONZA – È Jany McPherson, jazzista di fama internazionale, l’artista che inaugurerà venerdì 3 maggio, la XII edizione di Monza Visionaria, il festival organizzato dall’associazione culturale Musicamorfosi […]
“Prodjgi” – I giovani talenti del jazz italiano:
dal 07 al 28 maggio in scena: il trio Heartbeat, il quartetto di Francesco Sensi, Giovanni Falzone Young Spirits e l’Escape trio Ancora un mese di concerti sul palco del Cuccagna Jazz Club nell’ambito della rassegna
“Prodjgi”, realizzata da Musicamorfosi con il sostegno […]
0
    Carrello prenotazioni
    Il tuo carrello prenotazioni è vuoto
    Rimani aggiornato

    Iscriviti alla nostra Newsletter

    Ricevi aggiornamenti su concerti e molto altro

    GDPR & Privacy