Nuovi Rituali Urbani

Milano 5/6/7 ottobre 2023

nuovi_rituali_urbani_NEWS 570X350

Dal 5 al 7 ottobre i suoni dal mondo dei “Nuovi rituali urbani” in piazza Leonardo Da Vinci 

In arrivo due nuove iniziative nell’ambito della rassegna tra i progetti vincitori del bando “Milano è viva nei quartieri”: la Rusty Brass porterà i suoi ottoni “arrugginiti” tra le bancarelle dei mercati di via Moretto da Brescia, via Eustachi e piazzale Martini, mentre piazza Leonardo Da Vinci si trasformerà in una cittadella della musica con i live di Bandakadabra, Fanfara Station, Munedaiko e Vegas Jones   

“Nuovi rituali urbani”, vera e propria rassegna nella rassegna, che si svolgerà dal 5 al 7 ottobre in Città Studi, con l’obiettivo di far incontrare, grazie ai suoni provenienti da tutto il mondo, non solo le comunità italiane e straniere, accorciando le distanze e riattivando il senso di socialità, ma di unire diverse generazioni di pubblico (giovani, studenti universitari, adulti  e, più in generale, i curiosi e tutti coloro che sono aperti alle novità). Senza dimenticare la musica “consegnata a domicilio” dal Magic Bus, il pullman speciale di Musicamorfosi, che ospiterà sul suo palco panoramico i suoni dei Fanfara Station (giovedì 5 ottobre), della Bandakadabra (venerdì 6) e dei Raffaele Kohler trio  (sabato 7). Il Magic Bus porterà on the road, dalle 15 alle 18, la musica tra le vie del centro di Milano e le strade dei Municipi 2, 3 e 4, sotto i balconi e le finestre degli abitanti.

Il cuore pulsante dei “Nuovi rituali urbani” sarà piazza Leonardo Da Vinci, proprio di fronte al Politecnico: per tre giorni la piazza diventerà il palcoscenico per laboratori musicali, dj set, lezioni di social dance e, ovviamente, tanta musica dal vivo per ballare, cantare e sperimentare. Si partirà giovedì 5 ottobre con la prima giornata del festival dedicata al Mediterraneo, il Mare Nostrum che unisce (ma al tempo stesso divide) le coste e i popoli di tre continenti. Alle 12.30 il primo appuntamento è con “Piantala con quei bonghi”, laboratorio (con replica alle ore 19) per imparare a familiarizzare con questo popolare strumento africano. Alle 18 spazio al DJ set organizzato da Radio Popolare e, poi, alle 20 riflettori puntati sui Fanfara Station, trio con looping dal vivo che fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb e che celebra l’epopea dei popoli migranti del Mediterraneo, delle culture musicali della diaspora africana e dei flussi che da sempre uniscono il Medio Oriente al Maghreb, all’Europa e alle Americhe. Un altro DJ set, alle 21.30, a cura di Chullu/Botellon concluderà la prima serata del festival.

Venerdì 6 ottobre il laboratorio musicale (sempre alle ore 12.30 e in replica alle 19) riguarderà il Taiko, il tamburo sacro giapponese dal forte potere espressivo e liberatorio. Alle 18 ci sarà il DJ set di Radio Popolare e alle 20.30 è in programma la performance del trio italo-giapponese Munedaiko, che regalerà al pubblico un grande spettacolo, anzi un rito, catartico in cui le percussioni dei tamburi nipponici incontreranno i delicati suoni dei flauti Shakuhachi e Shinobu: melodie primordiali e spirituali si fonderanno a gesti scenici di grande impatto in una performance straordinariamente potente. In conclusione di serata, dalle 21.30, spazio al DJ set di Polianimali, il collettivo di studenti più festaiolo del Politecnico.

Infine, sabato 7 ottobre riflettori puntati sul tango: si comincerà alle ore 16 con una lezione collettiva per familiarizzare con il più famoso ballo argentino (a cura di La Clé de l’Art). Dopo il DJ set di Radio Popolare (ore 18), la piazza tornerà a essere una milonga (ore 19) e, poi, la scena sarà tutta per la Bandakadabra, irresistibile e irriverente marching band piemontese che ammicca alle Big Band degli anni Trenta ma che porta in scena il suo nuovo progetto Techno, capace di fondere il potente suono degli ottoni con il ritmo incalzante della techno. Dopo il DJ set di Chullu (ore 21.30), la Bandakadabra condividerà il palco e rileggerà alcune canzoni di Vegas Jones (tutto rigorosamente live), pseudonimo di Matteo Privitera, il rapper di Cinisello Balsamo campione di ascolti su Spotify. Quindi la scena sarà tutta per Vegas Jones che, come sanno bene i suoi fan, non si adegua alle mode, sa rappare sul serio, conosce la musica del passato e scrive strofe piene di contenuti (inizio live: ore 22.45 circa).

Piazza Leonardo Da Vinci sarà allestita per tutta la tre giorni con street food and beverage per una grande festa intergenerazionale e inclusiva.

 

Info e calendario: www.milanolacittachesale.it

 

Comunicazione e ufficio stampa:
Serenella Di Palma, cell. 335 5492189; ufficiostampa@jeunesse.it
Andrea Conta, cell. 347 1655323; andreaconta1968@gmail.com

SHARE:

News

Suoni, colori, danze, suggestioni e profumi: 
la magia dei Notturni sabato 11 e domenica 12 maggio nel Roseto e tra le opere d’arte contemporanea della Villa Reale ultimo atto di “Monza Visionaria” Come da tradizione, i Notturni concludono il festival Monza Visionaria. Quest’anno lo spettacolare format ideato da Musicamorfosi […]
“Prodjgi” del jazz alla Cascina Cuccagna di Milano: dal 2 al 30 aprile in scena l’Østrik Quartet, i Satoyama, Milesi, Boggio Ferraris e Andreoli Al Cuccagna Jazz Club continuano gli appuntamenti della rassegna realizzata da Musicamorfosi con il sostegno del MiC e di SIAE nell’ambito del programma “Per Chi […]
0
    Carrello prenotazioni
    Il tuo carrello prenotazioni è vuoto
    Rimani aggiornato

    Iscriviti alla nostra Newsletter

    Ricevi aggiornamenti su concerti e molto altro

    GDPR & Privacy